Parole

Le parole non rendono giustizia ai sentimenti.

Le buttiamo su fogli sparsi, di getto, come una cascata di lacrime che non puoi fermare…

Le mie parole sono state riposte in un luogo che non esiste, uno scrigno di gomma, sotto cumuli di macerie e sporcizia.

Ho allontanato paure e dolori e finto che non esistessero, continuando a guardare oltre quel tormento.

E mentre corro verso nuove mete, con le mie scarpette nuove, forse riuscirò a sorridere ancora.

E le mie ferite sono celate dietro un fazzoletto di lino, le custodisco con cura e non permetto al nulla di riaprirle.

Le ho cosparse di miele d’acacia e fiori d’arancio e hanno smesso di bruciare.

E il sogno di quell’albero svanisce. Le radici sono state recise e la chioma presto perderà ogni foglia.

Solo il tempo di un’ultima fioritura, con quel barlume di linfa che si inerpica fra i rami.

Poi più nulla.

E mentre guardo l’orizzonte oltre quella collina verde,

ricordo quel luogo che non
esiste,

che ancora custodisce il mio cuore.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...